Di origini antichissime, Cetraro probabilmente fu la prima città marittima bruzia. Il centro storico è ricco di viuzze, archi e suggestivi scorci. L’accesso alla città avviene attraverso le tre porte: di Mare, di Basso e di Sopra, che testimoniano il tempo in cui Cetraro era una cittadina fortificata.

I principali monumenti spesso si trovano in deliziose piazzette dai suggestivi nomi: "a giorgia", un tempo sede del mercato, "miezzu a curta" posta al centro del borgo vecchio.

Wikypedia

Diverse sono le teorie sulle origini del nome: secondo quella più accreditata il nome Cetraro è dovuto all'abbondante produzione di cedri o di limoni (lat. citrus) che sono coltivati nelle campagne circostanti; altre teorie più fantasiose invece ritengono che l'origine del nome vada ricollegato al fiume Aron (in verità un torrente dalla scarsa portata di acqua) che attraversa il suo territorio e Citra-Aron starebbe per "paese al di qua dell'Aron". Secondo altri il nome avrebbe origini ebraiche: gli Ebrei navigando verso Santa Maria del Cedro per acquistare i cedri utilizzati per una loro importantissima festa, giungendo nei pressi del promontorio cetrarese erano soliti indicarlo come "Kata-rion", espressione questa a voler indicare che oltre il promontorio si trovava appunto la meta del loro viaggio.

Wikypedia

Antica Lampetia si trova a Cetraro in provincia di Cosenza.

 


In auto: Autostrada A3 SA-RC uscita Lagonegro; imboccare la SS 585 "Fondo Valle del Noce" e, successivamente, la SS 18 "Tirrena Inferiore" fino a Cetraro.

In treno: Stazione F.S. di Paola (Km 21).

In aereo: Dall'aeroporto di Lamezia Terme si può proseguire sia in treno che in macchina direzione Nord (70km circa).